Lisbona in un giorno


Lisbona in un giorno
In un giorno si possono visitare i punti principali della capitale portoghese – musei, monumenti e vedute panoramiche spettacolari.

Cominciamo dalla zona alta. Dalle mura del Castello di São Jorge, si abbraccia con lo sguardo tutta la città, le colline, il Tago, i tetti delle case. Vista da questo luogo conquistato agli arabi dal primo re del Portogallo, nel 1147, Lisbona si presenta calma e tranquilla.

Scendiamo a piedi il pendio e nel belvedere di Portas do Sol prendiamo l’elétrico 28, il tram. Facciamo una sosta davanti alla Sé, la cattedrale di pianta romanica, eretta dove prima c’era una moschea. Oltre alla chiesa si può visitare il Museu do Tesouro, con oggetti di arte sacra, e il chiostro. Riprendiamo il tram 28, per raggiungere la Baixa, il centro, che va visitato a piedi, risalendo lentamente la via che porta allo Chiado. È ormai giunta l’ora di pranzo, ristoranti di ogni genere non mancano: si può scegliere fra un locale con tavolini all’aperto oppure un ristorante più raffinato.

Nel pomeriggio, seguiamo la direzione del sole, andando verso occidente. Prendiamoci un po’ di tempo per visitare il Museu Nacional de Arte Antiga, uno dei musei più importanti del Portogallo, con una notevole collezione di scultura, oreficeria e pittura portoghese e europea del periodo compreso fra il XIVº e il XIXº secolo – fra le opere maggiori, si segnala in particolare un dipinto, i Painéis de São Vicente. La visita dei musei prosegue, a Belém, con il Museu dos Coches (Museo delle Carrozze), per vedere una collezione unica al mondo, che raccoglie carrozze della corte portoghese e di altre corti europee.

Andiamo poi verso l’imponente Mosteiro dos Jerónimos. Il monastero, classificato Patrimonio dell’Umanità dal 1983 è un vero e proprio libro di pietra sul periodo d’oro della Storia del Portogallo. Dopo aver ammirato il portale, visitiamo il chiostro e la chiesa, dove sono sepolti Luís de Camões e Vasco da Gama.

Nell’estremità occidentale della Praça do Império, richiama l’attenzione un imponente edificio moderno. Si tratta del Centro Cultural de Belém, che vanta un’interessante e ampia programmazione culturale. All’interno si trova il Museu Berardo, di arte contemporanea.

Verso la fine del giorno, con il sole basso all’orizzonte, raggiungiamo la Torre de Belém, la fortezza costruita nel XVIº secolo con lo scopo di difendere l’entrata del fiume Tago dagli attacchi provenienti dal mare – anche se l’elaborata decorazione la fa sembrare più un perfetto esemplare di stile manuelino che una struttura militare.

La visita può concludersi a Belém o, ritornando nel centro storico, nel Bairro Alto, uno dei quartieri più vivaci della città, pieno di ristoranti, bar e discoteche.

 

 
 
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s